Processed with VSCO with c1 preset

Primavera DETOX: il mio pensiero felice!

Ti è mai capitato di fantasticare sulla prossima meta o di ripensare a quando ti sei svegliato emozionato in una città ancora da scoprire? Ecco, in quel momento stai già viaggiando, lo stai facendo ancor prima di partire, lo stai facendo con la mente.

Viaggiare è abbracciare l’ignoto, scoprire un nuovo posto attraverso i profumi, i sapori e i volti del suo popolo. Per me viaggiare è anche esplorare me stessa, quel cuore ma soprattutto quella mente nomade e vagabonda che viaggerebbe senza sosta….magari con uno zaino in spalla!

Ma sei sicuro che per viaggiare hai per forza bisogno di un biglietto aereo? Certo che no! Ed il modo migliore per poterlo fare quando non è possibile, è sicuramente leggere.

“Leggere ci dà un posto dove andare anche quando dobbiamo rimanere a casa”   -Mason Cooley- 

Ci sono libri che ci prendono per mano e ci accompagnano lontano chilometri da casa e sembra di sentirli davvero quei profumi e quei sapori nascosti tra le righe.

Leggendo Sulla strada di Kerouac ho sognato, sdraiata sul mio letto, un on the road in California. Una delle frasi più significative: “Avevamo un lungo cammino da percorrere. Ma non importa, la strada è vita.” 

E allora con i pensieri ero lì. Mi svegliavo in uno dei Motel storici, di quelli con l’insegna gigantesca e super luminosa fuori e la reception minuscola all’interno. Zaino in macchina e via, percorrevo quelle lunghe strade sempre dritte della Route 66 con un’unica certezza: la musica e l’asfalto che scorreva sotto le ruote.

Arrivavo poi dall’altra parte del mondo, fino ai tramonti di Bali, divorando le pagine di Mangia, prega, ama di E. Gilbert. La storia di una donna alla ricerca della felicità e di se stessa, ma anche dei piaceri della vita, come il buon cibo. Dalla cucina tipica dell’Italia alla meditazione in India, fino a raggiungere l’Indonesia dove termina il viaggio.

Mi divertivo ad immaginarmi lì. Provavo a surfare le onde dell’Oceano e a scalare uno dei tanti vulcani ancora attivi. Bevevo mango juice sulle spiagge immense e passeggiavo tra le strade di una Ubud caotica e trafficata.

Quei posti alla fine li ho scoperti davvero ma a me sembrava di conoscerli già, anzi, ne ero certa…il viaggio era iniziato tanto tempo prima, era iniziato nella mia fantasia.

In questi primi giorni di primavera, quello che nutre la mia mente e carica di energia positiva la mia anima, è immergermi tra le righe di questi libri:

Un indovino mi disse, di Tiziano Terzani. Dopo un decennio dalla profezia di un indovino cinese, che lo metteva in guardia dal viaggiare in aereo, l’autore parte per dodici mesi viaggiando esclusivamente via terra. Un’occasione per scoprire la vera Asia!

In un Paese bruciato dal sole, di Bill Bryson. L’autore ci porta nel continente dei canguri, l’Australia! In treno attraversa l’interno desertico, descrivendo la misteriosa cultura aborigena, il suo popolo accogliente e la sua varietà di animali. La barriera corallina, i serpenti velenosi e alcuni vecchi hippy sono la cornice di questo sorprendente racconto.

Nelle terre estreme, di J.Krakauer. Chris, giovane anticonformista che ama la solitudine, il rischio e la libertà. È il racconto dei suoi ultimi quattro mesi di vita, trascorsi tra una foresta incontaminata e un autobus abbandonato. Appunti di un diario che portano alla luce la sua quotidianità in una terra gelida, l’Alaska.

 

…che questi momenti possano essere anche il vostro rifugio, il vostro pensiero felice…un mondo che non conosce confini!

BUON VIAGGIO!!!

 

Consuelo Crapanzano

Green Guide & Experience Designer

 

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su pinterest
Pinterest